Aggiornamenti


Maggio 2017 – Un viaggio bellissimo !

L’emozione di incontrare personalmente le bambine e’ stata grande…
Rientrati da poco dall’India. Bambine fantastiche. Salesiani eccezionali. Orfanotrofio bello, spazioso, pulito ed efficiente. Suor Lilly molto premurosa e sempre in movimento si occupa delle bambine con affetto e la giusta determinazione. Entusiasmo alle stelle!! Ho trascorso solo tre giorni con le 18 nuove giovanissime ospiti della struttura che tutti insieme abbiamo costruito, ma mi sono bastati per volerci tornare al piu’ presto. Giulio mi ha raggiunto il secondo giorno. L’orfanotrofio funziona, le bambine stanno bene. Hanno tutte storie difficilissime, se non tragiche, alle spalle, ma finalmente hanno un posto sicuro dove essere protette e seguite. Sono bambine molto educate e rispettose, forti e piene di voglia di vivere. Incuriosite dalla nostra presenza, facevano a gara per starci a fianco, stringerci le mani e ovviamente farsi fotografare. Siamo rimasti felicemente colpiti dalle attenzioni e l’affetto che tutte indistintamente avevano spontaneamente per la piu’ piccolina, Karthika di 7 anni, e per come ubbidivano a Suor Lilly. E’ evidente la loro istintiva consapevolezza di aver bisogno di quel posto e di quel meccanismo che le tiene lontane dai problemi e dall’abbandono che hanno vissuto. Altre bambine arriveranno entro la fine di Giugno fino a raggiungere, per il momento, il numero di 34 ospiti. Ad Ottobre si torna !

 

 

 

Marzo 2017 – Eccole!!!

LE PRIME BAMBINE SONO ENTRATE A VIVERE NELLA CASA CHE TUTTI INSIEME ABBIAMO PREPARATO PER LORO ! CE L’ABBIAMO FATTA ! SEMBRAVA IMPOSSIBILE E INVECE SONO ARRIVATE.

Gli ostacoli sono stati superati, tutto e’ andato al suo posto, un senso bellissimo di realizzazione e di significati profondi che riempiono il vuoto hanno colmato l’incertezza, la paura di non farcela, di deludervi, di deludere quella tremendissima bambina di due anni che ora da una foto posta all’ingresso guarda queste presenze entrare e uscire, giocare, andare a scuola la mattina e tornare il pomeriggio sapendo di

avere un posto dove qualcuno le aspetta…e’ stupendo !

Giugno 2016 – Rapporto Annuale Orfanotrofio e Corsi di cucito

Un saluto e un caloroso augurio dai Salesiani di Don Bosco Anbu Illam, Salem, India del Sud.

Sono felice di contattarVi di nuovo attraverso questa mail. Spero di trovarvi in buona salute. Qui noi Salesiani, il personale ad Anbu Illam, i bambini a Pethanaicanpalayam e Andivaram stiamo bene. I ragazzi, dopo le loro vacanze estive, hanno ripreso la scuola regolarmente. I centri di studio serali e di sartoria per giovani donne stanno procedendo regolarmente. Per quanto riguarda l’approvazione dell’edificio stiamo facendo enormi sforzi e diversi passaggi per ottenere l’abitabilita’, ma ogni volta si presenta un intoppo per vari motivi. Da parte nostra siamo riusciti a ottenere il seguenti certificati per Anna4children a Pethanaicanpalayam.

1). certificato di sicurezza antincendio
2). certificato sanitario
3). certificato di stabilità Costruzione

ma ancora abbiamo bisogno di ottenere la licenza edilizia e l’approvazione edificio dal dipartimento di urbanistica. Mr. Dhanaventhan ci sta aiutando.

Grazie per il vostro sostegno e la cooperazione.

Distinti saluti,
Fr. Amal
Don Bosco Anbu Illam
Salem.

IMG_2126

IMG_2124

.


Dicembre 2015 – Auguri da parte dei bambini di Andivaram e dei Salesiani

Carissimi, Vi alleghiamo la mail ricevuta oggi con gli auguri dei bambini di Andivaram e dei Salesiani di Salem.

Un Sereno Natale a tutti voi a alle vostre famiglie anche da parte nostra di Anna4children.

“Cari sostenitori di Anna4children,

Saluti da Fr. Amal, Don Bosco Anbu Illam, Salem – India.

Sono contento di contattarvi attraverso questa mail. Qui stiamo bene. I bambini stanno bene. Il mese scorso a causa di forti piogge e delle inondazioni nel sud dell’India, il Tamil Nadu ha risentito molto ma fortunatamente nulla e’ accaduto a Salem. Il governo ha rinviato l’esame scolastico annuale al prossimo mese. Colgo questa splendida occasione per augurare a voi dell’associazione e alle vostre famiglie un felice Natale e un prosperoso nuovo anno da parte dei nostri bambini, del personale e di tutti i Salesiani indiani. Che il bambino appena nato Gesù vi benedica tutti con la buona salute, gioia, felicità, prosperità, e tutti i vostri sforzi futuri”.

Grazie mille per tutto.

Con tanto amore e preghiere,

P. Amal Sdb
Rettore e Direttore
Don Bosco Anbu Illam
230, Strada di Brett
Mulluvadigate
Salem – 07.

2015 X-mas India

Novembre 2015 – Festa del Diwali tra i bambini di Andivaram                                                                                                                                                


In India pochi giorni fa si e’ celebrata la festa del Diwali (festa delle luci) che spiritualmente festeggia la vittoria del bene sul male. I bambini di Andivaram, che Anna4children sta sostenendo, l’hanno celebrata facendo giochi di societa’ e accendendo piccoli fuochi d’artificio. I Salesiani ci hanno spedito queste foto che raccontano la giornata. I bambini stanno bene e proseguono gli studi nelle scuole locali del villaggio. Giulio andra’ a trovarli il prossimo Dicembre e al suo rientro pubblicheremo ulteriori aggiornamenti.  2015 IMG_8555

  • 2015 IMG_8560
  • 2015 IMG_8562
  • 2015 IMG_8561
  • 2015 IMG_8574

  • Dicembre 2014 – Anna4children sostiene i 30 bambini dei Salesiani di Andivaram

DSC_0119Il nostro edificio e’ completato. Mancano alcuni documenti per la certificazione dell’edificio come orfanotrofio (Certificato di Stabilita’ e di Abitabilita’). Nell’attesa i Salesiani ci hanno chiesto di aiutarli a sostenere finanziariamente uno dei loro orfanotrofi. A circa 10 chilometri da Salem si trova Adivaram, un piccolo villaggio ai piedi della collina di Yercaud. Li’ sono ospitati 30 bambini dai 5 ai 10 anni eta’. La maggior parte di loro sono orfani oppure con un singolo genitore che necessita aiuto finanziario. Alcuni di loro sono stati abbandonati o erano sfruttati e chiedevano l’elemosina in citta’. Sotto la custodia di Padre Dominic, vengono accuditi ed aiutati. Al mattino seguono le lezioni della scuola pubblica e nel pomeriggio svolgono attivita’ di gioco e di studio. La struttura e’ parzialmente autosufficiente: ci sono due mucche che producono il latte per loro, alcune capre e galline. Il latte in eccesso viene venduto per acquistare riso e verdura. Giulio e’ andato a trovarli a Febbraio (2015). Sono stati molto contenti di ricevere nuovi completi sportivi e soprattutto una nuova mazza da cricket. Gli amici di Milano hanno poi regalato dei giochi elettronici non piu’ usati dai loro ragazzi ormai grandi. Un’utile regalo sono state anche le piccole torce ricaricabili da usare la sera. Pierluigi, in visita a Marzo (2015), ha invece portato un nuovo pallone da calcio e altri giochi.  Assieme a Bruno, un amico italiano che sta vivendo con loro dallo scorso Gennaio come volontario, hanno montato all’interno dell’edificio i 36 pannelli dipinti durante l’evento dello scorso Maggio donato da Biz-Group, Dubai.    DSC_0058 (2)                               DSC_0060 (2)


salem 15387                               salem 15595                                 salem 15605                               salem 15779


 

  • Novembre 2014 – Corso di “taglio e cucito”

La sDSC_0277truttura e’ completata. Il generatore elettrico e’ arrivato. I Salesiani di Don Bosco hanno preso in gestione l’edificio. Mancano alcuni documenti per la certificazione dell’edificio come orfanotrofio (Certificato di Stabilita’ e di Abitabilita’) e per questo, come prima attivita’, hanno organizzato un corso di taglio e cucito per circa 50 ragazze e donne del villaggio di Pethanaichen e dintorni.

Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato la Sig.ra Sarathi, Consigliere locale per le politiche sociali, Padre Amal, Direttore dei Salesiani di Salem ed il Sig. Joseph, coordinatore del corso.

In rappresentanza di Anna4children era presente il Sig. Dhanedavan.

DSC_0259

DSCN9634

DSCN9639


  • Gennaio 2014

I bagni e la scala interna sono stati completati. Sono stati montati i letti a castello e gli scaffali. Sul tetto sono state completate le “colonne” predisponendole per installare una piccola pergola. Stiamo aspettando a breve il certificato di abiltabilita’ per certificare l’edificio ad uso “orfanotrofio”. Senza questo documento i bambini non possono entrare e tutte le altre richieste come quella dell’allacciamento elettrico devono aspettare. Nel frattempo e’ stato scavato il pozzo artesiano per l’acqua potabile. Stiamo acquistando un piccolo generatore elettrico che verra’ utilizzato in attesa dell’allacciamento ufficiale e come riserva per coprire le costanti interruzioni dell’erogazione comunale dell’energia.

Nelle prossime settimane saranno installate le luci e i ventilatori a soffitto. L’anno scolastico in India cominciera’ a Giugno. Ci poniamo come obiettivo quello di avere l’orfanotrofio pronto ad ospitare i bambini ai primi di Maggio.


  • Settembre 2013

Le pareti esterne ed interne dell’edificio sono state completate e dipinte. I bagni sia delle bambine che quelli dei bambini sono quasi completati. Gli infissi e le porte sono stati posati. I fabbri stanno finendo i letti a castello, le panche e i tavoli. Parte delle autorizzazioni comunali sono arrivate e a breve e’ previsto il collegamento dell’energia elettrica.


 

  • Luglio 2013

L’esterno dell’edificio ed il muro di cinta e’ stato quasi del tutto completato. I cancelli sono arrivati e sono stati installati all’ingresso della proprieta’. All’interno sono cominciati i lavori di pavimentazione e quelli per l’impianto elettrico. Abbiamo fatto le richieste agli enti locali indiani per ottenere le concessioni e le autorizzazioni necessarie per poterlo registrare come orfanotrofio. A breve cominceremo a piantare alberi da frutto e attorno al muro di cinta piante rampicanti del tipo bougainvillea.


  • Marzo 2013

In questi mesi sono stati raggiunti importanti traguardi: gli infissi di porte e finestre ed il muro di cinta sono stati completati. Per questioni di sicurezza quest’ultimo dovra’ essere rialzato di altri 30-40cm. Si sta aspettando la consegna dei cancelli esterni. Le colonne dell’entrata sono in fase di ultimazione. All’interno si stanno ultimando i lavori ai bagni e si stanno posando le canalette per i fili elettrici nelle varie stanze.

 


 

  • Dicembre 2012

Il vecchio pozzo davanti all’edificio e’ stato completamente chiuso e il terreno spianato. Con l’aiuto degli agricoltori fornitori della ditta Indena, una parte del terreno verra’ utilizzato per la piantagione di ortaggi e di alberi da frutto. Si proseguono i lavori al muro di cinta che ha raggiunto meta’ elevazione. Prossimamente verranno montati gli infissi e posati i pavimenti.

 


 


 

  • Settembre 2012

I muri esterni sono stati intonacati mentre quelli interni stanno per essere completati. I confini della proprieta’ sono stati definiti dagli ispettori comunali. Sono stati fatti i buchi dove sono state predisposte le strutture in ferro per la gettata delle colonne. All’interno sono iniziati i lavori per i circuiti elettrici. Sono state prese le misure per gli arredamenti interni: 60 letti a castello e relativi armadietti, 10 tavoli e 80 sedie per il refettorio.

 


 


 

  • Agosto  2012

Lo “scheletro” dell’edificio e’ stato completato e ora si sta procedendo al processo di “plastering” dei muri esterni ed interni. Recentemente gli ispettori del comune hanno fatto un sopralluogo per definire con precisione i confini della proprieta’. A breve quindi si procedera’ con i lavori del muro di cinta. I bambini sono felici perche’ vedono che la costruzione e’ in fase di completamento e la data del loro trasferimento nel nuovo edificio si avvicina sempre di piu’.

.

.

.

.


  • Ottobre 2011

Il vicepresidente della ONLUS Pierluigi Rizzotto e la moglie Valeria hanno trascorso quattro giorni a fine Ottobre con la famiglia che gestisce l’orfanotrofio e con i bambini. Il viaggio è stato pieno di emozioni soprattutto nella giornata festiva del Diwali (festa delle luci) e bambini si sono divertiti a fare giochi di gruppo e ad accendere piccoli fuochi d’artificio nel terreno dove si sta costruendo il nuovo orfanotrofio. Aiutati nella traduzione dal dialetto Tamil, lingua molto diffusa nella zona sud dell’India, dal signor Gangadharan e dal signor Magudaphati i bambini hanno raccontato le loro storie e i loro piccoli desideri. Hanno condiviso con loro il pranzo a base di riso e verdure con spezie locali. Il giorno successivo il signor Magudaphati ha organizzato una gita ad un giardino botanico privato poco lontano dal villaggio. Anche quel giorno tutti assieme hanno giocato scherzato e mangiato assieme. Vederli sorridenti e felici quando si e’ raccontato loro che presto avranno un letto tutto per loro e un prato dove correre è stato impagabile. Per aiutare la famiglia nella gestione dei bambini, istruirli su concetti di base come l’igiene personale e degli ambienti comuni si è coinvolta un’assistente sociale professionale. La signora Roseline, responsabile in passato di un orfanotrofio e coordinatrice di un programma di vaccinazioni nelle zone rurali, ha accettato l’incarico e visiterà i bambini tre volte la settimana inviandoci resoconti dettagliati.  I lavori alla costruzione stanno proseguendo. Il tetto copre metà della costruzione. Stiamo aspettando il preventivo per il completamento dei lavori da parte di due ditte mentre si inizia a posare la recensione della proprietà.


 

  • Luglio 2011

Anche se le piogge monsoniche estive hanno rallentato i lavori, gli operai sono riusciti a raggiungere obiettivi insperati.

I muri laterali sono stati completati lungo tutta la struttura dell’edificio. La fossa biologica e’ quasi terminata.

L’edificio ha finalmente un tetto: si stanno infatti completando i lavori per la copertura del piano terra e le ultime foto ricevute rappresentano la gettata in calcestruzzo del soffitto (vedi sezione FOTO).

.

.

.

.


  • Febbraio 2011
In pochi mesi i lavori sono proseguiti notevolmente. Anche ad un occhio inseperto la base della struttura dell’edificio comincia a prendere la forma del progetto tecnico.

Le colonne portanti sono state erette e si alzano di oltre due metri sopra il balsamento del piano terra.

Questo basamento è rialzato rispetto al terreno circosatanete di circa 50 cm, al fine di isolare l’edificio dal caldo estivo e dall’umidità, oltre che prevenire l’allagamento della stanze durante il priodo dei monsoni (Luglio-Agosto e Ottobre-Novembre).

Durante la nostra visita gli operai stavano portanto a termine la gettata di calcestruzzo della futura pavimentazione.

E’ in fase di ultimazione lo scavo per le fosse biologiche nella partae nord-ovest della costruzione.


  • Novembre 2010

L’area dove si sta costruendo la nuova sede ell’orfanotrofio “Anna Rizzotto”  prettamente rurale e di campagna. Si trova nell’immediata periferia di un villaggio a circa 60 km a nord est di Salem, nella regione del Tamil Nadu, nell’India del sud. La zona vicina ad un letto di un fiume. A circa 2-3 km inizia una zona collinare che si eleva a circa 200-250 metri in altezza. La vegetazione, soprattutto nel retro della proprietà, è molto rigogliosa con palme di cocco e piantagioni di banane.

Da una misurazione approssimativa, si può stimare che il lotto di terreno sia di circa 1600-1700 mq, di formarettangolare. A fianco della proprietà ci sono altri lotti, alcuni dei quali già venduti. In uno di questi si può notare un progetto con l’insegna che indica la costruzione di una scuola media superiore “secondaria”. La strada che collega la proprietà al villaggio è in terra battuta.

Dalle foto si può notare una piccola casa ripostiglio dove vengono tenuti gli attrezzi e parte del materiale. Li è stata affissa una targa di marmo nero con la foto di “Anna”, i nomi dei suoi genitori, quello di Giulio e del Sig. Gangadharan per celebrare l’inaugurazione ufficiale dei lavori.

il 24 novembre 2010, giorno di questa cerimonia, gli scavi iniziali erano di fatto già iniziati ed erano visibili lungo tutto il perimetro della costruzione.

In alcuni punti erano già stati posati i basamenti (profondi tre metri) delle prime colonne portanti. I lavori vengono effettuati senza l’ausilio di macchine operatrici bensì sfruttando solo il lavoro manuale con pale e picconi.

Nel lato nord Ovest si si stava cominciando a realizzare lo scavo per le fosse biologiche.